OneSketch per My Everest Onlus

OneSketch per My Everest Onlus

12 Maggio 2018 Impegno sociale 0
OneSketch per My Everest Onlus

Cos’è il Progetto My Everest

Il Progetto My Everest è stato il primo progetto di raccolta fondi ideato da Luigi Sala, un uomo di Rivolta D’Adda che a 46 anni si è ammalato di tumore del pancreas. Questa iniziativa è nata durante il suo percorso di cura e ha preso il nome dalla sua passione per la montagna. Obiettivo: raccogliere 8.848 Euro per supportare la ricerca sul tumore del pancreas fatta all’Ospedale San Raffaele di Milano, un euro per ciascun metro di altezza della montagna più alta del mondo, il monte Everest appunto.

Il modo in cui Luigi ha vissuto la sua condizione di malato ha smosso i cuori dei suoi amici e di tutte le persone che lo conoscevano ma soprattutto è riuscito a far breccia in molte altre persone che hanno imparato a conoscerlo attraverso il suo blog.

L’ obiettivo della raccolta è stato ampiamente centrato e superato ma purtroppo Luigi è mancato il giorno del suo 48esimo compleanno.

Nel 2015, la moglie con i figli e molti amici, hanno fondato un’associazione che dà seguito a quello che è stato il suo esempio: mostrare nei fatti il concetto di resilienza, affrontando la malattia senza commiserarsi e senza darsi per vinti ma, anzi, impegnandosi in prima persona a favore della collettività, supportando la ricerca scientifica su una malattia scarsamente conosciuta nelle cause e con poche possibilità nelle terapie.

Accettare le sfide è nella natura di OneSketch, ecco perché abbiamo deciso di sostenere My Everest; attraverso la nostra attività vogliamo promuovere l’attitudine che è stata di Luigi e, nella misura in cui riusciremo, dare il nostro contributo alla ricerca scientifica su questa malattia.

Grazie ai nostri clienti che vorranno affiancarsi a noi contribuendo in maniera diretta https://www.myeverest.it/regali-solidali/ o semplicemente facendosi promotori di iniziative a loro volta.

Maggiori dettagli sul sito dell’associazione https://www.myeverest.it/

Condividi su
Facebook
LinkedIn
Instagram
Pinterest
Google+
WhatsApp chat